A 11 anni giustizia la "matrigna" incinta e poi va a scuola

Orrore negli Stati Uniti. Il ragazzino ha ucciso a sangue freddo con un colpo di pistola alla nuca la fidanzata del padre, 26 anni, in attesa di un bimbo. Poi è salito sullo scuolabus

Un ragazzino di 11 anni ha ucciso a sangue freddo, giustiziandola con un colpo alla nuca, la fidanzata-convivente del padre, incinta di otto mesi. Poi, come se niente fosse, e' andato ad aspettare lo scuolabus ed e' andato a scuola. E' successo in una casa isolata a Wampum, in Pennsylvania. Secondo quanto riferito dal procuratore distrettuale della Contea di Lawrence, John Bongivengo, il ragazzo probabilmente per motivi di gelosia nei confronti del padre, all'alba si e' avvicinato al letto dove dormiva Kenzie Marie Houk, 26 anni, incinta di otto mesi di quello che sarebbe stato il fratellino del ragazzo, e le ha sparato un colpo di pistola alla nuca. Poi e' andato a scuola.

A trovare il corpo senza vita della donna e' stata la figlia, una bambina di 4 anni. Ora il ragazzo e' stato formalmente accusato di duplice omicidio: omicidio della 'matrigna', e omicidio del nascituro. In Pennsylvania, come ha precisato Bongivengo, in caso di omicidio viene considerato 'adulto' chiunque abbia piu' di 10 anni di eta'. Il ragazzino rischia il carcere a vita.