Al 18 di via Rovello un pollo arrosto da leccarsi i baffi

Più che un ristorante, come scritto sul biglietto da visita, un’allegra trattoria il Rovello 18 al numero 18 di via Rovello, tra via Dante e via Cusani. Da sei anni guida tutto Cinzia Rossi che ha in Gualtiero Panciroli il responsabile della cantina e del servizio. Un unico vero neo: 3 euro di pane e coperto, tre di troppo.
Il locale è chiuso sabato e domenica a pranzo (bingo per l’apertura domenica sera), ha bottiglie di spessore, molte bio, accetta i bambini e i cani con tanto di cartello in strada, chiude tardi la sera. In soldoni: è al servizio del cliente che per 2 piatti e un dessert spenderà 40 euro.
Punto di forza la spesa e una nota briosa nelle varie preparazioni. Ad esempio è una piacevole idea estiva l’insalata di cavolo rosso con acciughe, capperi e olive nere, accanto a una rinfrescante di finocchi e arance piuttosto che la classica insalata greca. Piacevole anche una torta di riso nero venere con una leggera e gradevolissima copertura di crema pasticcera.
E chi ama la carne non può non gioire sapendo che tra i secondi il Giotto con patate altro non è se non l’hamburger di Franco Cazzamali a Romanengo (Cremona), 0373.72101, così chiamato perché dura otto giorni e «gi+otto=giotto». Ottimo pure il pollo arrosto, di Monica Maggio a Zocca (Modena), 059.988432.