Il 2 ottobre festa grande per i nonni

Stefania Antonetti

L'energia e l'esperienza dei nonni genovesi «conquistano» la prima «festa dei nonni» e per festeggiare tutti insieme, l'appuntamento è per lunedì 2 ottobre al Carlo Felice. La provincia di Genova infatti, prendendo spunto dalla legge 159 del 31 luglio 2005, ha promosso e organizzato l'evento dalle 16 alle 18.30; l'intento è proprio quello di valorizzare il ruolo dei nonni all'interno delle famiglie e della società più in generale.
Così alle tradizionali «Festa del papà» (marzo) e «Festa della mamma» (maggio) si unisce oggi anche la «Festa dei nonni» esclusivamente dedicata alle persone più anziane di tutte le generazioni.
«Con l'appuntamento di lunedì che “sigilla” la prima “Giornata nazionale dei nonni”, l'intera provincia coglie l'occasione per recuperare questa importante figura che con il tempo è diventata sempre più attiva e partecipe non soltanto nell'ambito familiare, ma in tutti i settori del sociale - dichiara Alessandro Repetto, presidente della Provincia di Genova -. Un giusto riconoscimento dunque ma anche un'occasione per discutere e approfondire tematiche relative alle crescenti funzioni assunte dai nonni nella società ligure». Con questa iniziativa, che rientra in un più ampio progetto sostenuto anche dalla Fondazione Carige e dalla Regione Liguria, l'amministrazione provinciale intende così promuovere in termini positivi il tema dell'invecchiamento, attribuendo agli anziani più in generale, un valore ben diverso da quello del passato.
Si tratta dunque di un pomeriggio di festa in cui saranno presenti Claudio Burlando e Alessandro Repetto rispettivamente presidenti di Regione e Provincia; ma anche il sindaco Giuseppe Pericu; Massimiliano Costa, vicepresidente della Regione; Angelo Giulio Torti, assessore alle Politiche per la Solidarietà della Provincia e il nuovo arcivescovo della città di Genova, Angelo Bagnasco. Durante la cerimonia verranno premiati cinque nonni valorosi, cosiddetti "Importanti" che nella vita si sono distinti per una loro particolare competenza.
I primi nonni a essere premiati sono la professoressa Jole Baldaro Verde nonna autorevole nel settore scientifico e accademico e stimata sessuologa a livello nazionale; il nonno Marco Bollesan famoso rugbista negli anni sessanta, oggi team-manager nella nazionale di rugby; la dottoressa Bianca Costa, plurinonna e presidente del Centro di Solidarietà di Genova, attivo da trent'anni nel recupero dei tossicodipendenti. Tra i premiati ci sono anche l'attore Eros Pagni che ha appena ottenuto l'importante riconoscimento di migliore attore teatrale per lo spettacolo «Morte di un commesso viaggiatore» e infine, il nonno olimpico Eraldo Pizzo campione olimpico della Nazionale di Pallanuoto nel 1960. Un particolare riconoscimento verrà inoltre assegnato a una coppia di nonni del ponente genovese. La serata si concluderà con lo spettacolo teatrale di Orietta Berti.
L'ingresso è gratuito e a tutti i nonni presenti alla festa verrà regalato un portachiavi che riproduce una moneta da un euro, e una da due euro, da utilizzare per il carrello della spesa. Per garantire la maggiore partecipazione anche a quei nonni che vivono fuori Genova, la Provincia ha organizzato - in collaborazione con l'Azienda Trasporti Provinciali e con le associazioni di volontariato Anteas e Auser - il trasporto dei nonni da tutto il territorio. Sono 1800 le persone che si sono già prenotate, questo ha richiesto, almeno per il momento 31 pullman e un trenino, ma si conta che saranno ancora in molti a decidere di festeggiare a teatro. I nonni arriveranno infatti oltre che da Genova anche da Valle Stura, Valpolcevera, Val Trebbia, Valle Scrivia e molti anche da levante.