In 200 panifici pronta la michetta con meno sale

Da questa mattina nel pane lombardo ci sarà un po’ meno sale. Servirà per aiutare a combattere le malattie cardiovascolari e dare un contributo all’adozione di comportamenti più consapevoli per la salute. Dopo il successo della sperimentazione realizzata lo scorso anno, torna l’iniziativa «Con meno sale nel pane c’è più gusto. E guadagni in salute». Così oltre 200 panificatori lombardi si impegneranno a produrre e vendere pane con ridotto contenuto di sale rispettando gusto, fragranza e qualità e senza differenza di prezzo. La quantità di sale passerà dal 2 per cento sul totale della farina all’1,8 per cento fino al 31 dicembre 2011 e all’1,7 per cento entro il 30 giugno 2012.
«La riduzione dell’assunzione di sale con la dieta - spiega l’assessore regionale alla Sanità Luciano Bresciani - è un obiettivo di salute di estrema importanza: un consumo eccessivo determina infatti un aumento della pressione che a sua volta aumenta il rischio di insorgenza di gravi malattie, come l’infarto e l’ictus. Si tratta di un progetto che punta dunque a dare il buon esempio per una migliore qualità della vita». L’iniziativa viene realizzata grazie a una intesa tra la Direzione generale Sanità della Regione Lombardia con l’Unione panificatori e la Confcommercio. L’elenco dei panifici che aderiranno all’iniziativa sarà disponibile sui siti www.panificatorilombardi.it, www.confcommerciolombardia.it, www.conflombardia.it.