Il 2008? Arriva secondo tradizione

È stato un Capodanno tutto sommato tranquillo quello celebrato dalla Capitale, con un bilancio di incidenti che secondo i vigili del fuoco è stato meno grave degli anni scorsi. L’intervento più importante da parte dei vigili del fuoco è stato quello in via Pietro Foscari al Nomentano, dove è scoppiato un incendio in uno stabile che non ha provocato vittime ma ha richiesto l’evacuazione di una quindicina di famiglie. Come al solito più di una persona è finita all’ospedale per l’incauto uso di «botti»: tre i feriti più gravi, uno dei quali, un romano di 33 anni, ha subito l’amputazione incompleta di un avambraccio. Tra le tradizioni rispettate anche quella del tuffo di mezzogiorno nel Tevere da parte di tre coraggiosi emuli di mister Ok e la «caccia» al primo nato dell’anno. Il più «puntuale» è stato Emanuele, figlio di un’italiana e di un egiziano, venuto alla luce solo 10 secondi dopo la mezzanotte.
SERVIZI A PAGINA 39