«24» è in crisi: troppe torture

In crisi 24, un tempo uno dei serial di azione più popolari del piccolo schermo americano. Il Wall Street Journal rivela che gli indici di ascolto del telefilm (in onda anche su Rete 4 a tarda notte) in cui Kiefer Sutherland interpreta il ruolo del patriottico agente Bauer, pronto a torturare per difendere gli States dai terroristi, sono calati in parallelo alla percentuale di americani che approvano la guerra in Irak. «I produttori fanno fatica a trovare attori pronti a interpretare ruoli un tempo tra i più popolari in televisione perché disapprovano la tortura». Il risultato è che di 24 non c’è traccia nei palinsesti, tra riscritture del copione e revisioni della filosofia di fondo. Non c’è ancora una data per il lancio della settima stagione.