25 aprile, De Pasquale invita il Pdl a manifestazione nel cimitero Usa

Il consigliere comunale del Pdl scrive ai colleghi: «Sabato mattina andiamo insieme al cimitero di giuerra del Commonwealth, per dare alla festa un significato di unità nazionale e di matura comprensione della verità storica».

Un'alternativa al corteo da Porta Venezia a piazza Duomo. «Una simbolica manifestazione al Cimitero di guerra del Commonwealth». A lanciare la proposta ai colleghi consiglieri del Pdl a Palazzo Marino è Fabrizio De Pasquale, che dà appuntamento in via Cascina Bellaria, nel parco di Trenno, nella tarda mattinata del 25 aprile.
«Questa nostra simbolica presenza - scrive il consiglieri del Pdl nella lettera inviata oggi agli altri componenti del gruppo in Comune - vuole rendere omaggio alle migliaia di soldati alleati che si sono immolati per liberare l'Italia dal nazi-fascismo e per garantire all'Italia un futuro di libertà e di democrazia». Ricorda che a Milano non è presente un cimitero di guerra americano come invece a Firenze e Nettuno, ma «sono comunque sepolti centinaia di soldati appartenenti al Commonwealth e deceduti nel secondo conflitto mondiale. Questo anche perché i combattimenti più cruenti non accaddero, fortunatamente, nell'ambito della nostra città». De Pasquale crede «peraltro che il nostro profondo riconoscimento ai militari americani potrebbe essere anche testimoniato dalla presenza alla cerimonia di qualche Funzionario del Consolato Usa». E vorrebbe che «questa proposta fosse estesa dal nostro Gruppo anche a tutti i gruppi consiliari e alle altre forze politiche cittadine». Il significato di questo gesto, conclude, «è chiaramente quello di dare alla Festa della Liberazione un significato di unità nazionale e di matura comprensione della verità storica».
A proposito della manifestazione nazionale che si terrà invece per le vie della città, il sindaco Letizia Moratti ancora questa mattina ha confermato che non ha «ancora deciso» se prendere parte al corteo.