In 250mila per votare ai gazebo del Pdl: "Liberateci da Penati"

Code davanti ai 200 banchetti: "Un successo". Formigoni: "Podestà è il candidato naturale"

La mobilitazione elettorale per le Provinciali è già partita, anche attraverso i duecento gazebo del Pdl, che hanno raccolto «duecentocinquantamila adesioni tra i cittadini di Milano e provincia», come dice il coordinatore azzurro, Alessandro Colucci. L’iniziativa, che ha come primo obiettivo la scelta dei delegati al congresso Pdl, di fatto è diventata anche il via alla campagna elettorale di Guido Podestà, indicato venerdì sera direttamente da Berlusconi. Soddisfatto dell’investitura, il candidato confida in un accordo pieno anche con quelle parti di An ancora dubbiose: «Non dobbiamo perdere tempo perché i nostri avversari sono già in campagna elettorale da molti mesi».
A sostenere la candidatura di Podestà, dopo il sindaco, Letizia Moratti, arriva anche il governatore, Roberto Formigoni: «Mi sembra la scelta naturale, per la sua storia e per quello che è il suo impegno al Parlamento europeo», spiega ancora il presidente della Regione. Una sintonia che lascia immaginare un futuro di cooperazione tra le istituzioni lombarde, dopo anni di scontro continuo.
È Colucci a criticare l’attuale giunta di centrosinistra: «Nelle ultime settimane è venuto allo scoperto il bluff del riformista Penati fatto di dichiarazioni improvvisate e con chiari fini elettoralistici».