2/Perché i suoi si sospendono se non c'è la questione morale?

Per Di Pietro il caso Campania non esiste, o se è mai esistito, è già chiuso. Eppure il bubbone non è mai stato così esplosivo. Nel giro di pochi giorni è scoppiato un terremoto tra i dipietristi campani insofferenti delle scelte personalistiche e familistiche del partito in Regione. I due unici consiglieri Idv al Comune di Napoli, Raffaele Scala e Carlo Migliaccio, si sono autosospesi dal partito. Una decina di consiglieri Idv a Caserta hanno seguito i due ribelli, sempre per lo stesso motivo. Autosospesi in attesa di decisioni del leader sul partito anche due sindaci e responsabili provinciali dell’Italia dei Valori. Insomma una rivolta che poi è scoppiata anche nella direzione nazionale a Roma, per voce del deputato campano Francesco Barbato, il caporivolta contro i colonnelli di Tonino in Campania: Aniello Formisano e Nicola Marrazzo.