3 apre al grande Web. Tutta Internet nel taschino

X-Series va oltre alla navigazione: con 9 euro al mese (o 3 alla settimana) avremo Skype, YouTube, l’instant messaging, la posta di Hotmail, Gmail e Yahoo. Intanto Tim e Vodafone...

3 Italia lancia X-Series. Un annuncio importante, visto che si tratta delle prime tariffe flat a includere i principali servizi Internet in un canone fisso. Ma anche gli altri operatori, a comincioare da Tim, si stanno dando da fare. X-Series è composta da due parti: un software che include scorciatoie verso numerosi servizi popolari e una tariffa flat. Al momento disponibile su un parco limitato di cellulari: Nokia N95 ed E64, Nokia 6120, Lg U970 Shine e Lg U960. Due sono le tariffe: quella da 3 euro permette di usare il servizio per una settimana, 9 euro per un mese. Funziona solo sulle reti 3G, e cioèUmts o Hsdpa, mentre non funziona col Gprs.

Navigare e non solo
X-Series consente la navigazione libera tramite il browser Www3, che, a differenza di quello in Java (già da un anno fornito da 3 su tutti i modelli di videofonini) non è limitato all’Html. Supporta così, ad esempio, anche i video di YouTube, permette di fare download di file dal Web e l’upload di foto su Flickr.

C’è un limite di 100 MB di traffico al giorno. Nello stesso canone è incluso l’uso diretto, via Pop 3 e Smtp, di alcuni account di posta: Msn Hotmail, Gmail e Yahoo! Mail. Ci sono poi 100 minuti al mese di Skype, per chiamare gratis altri utenti VoIp (Skypeout al momento non è abilitato). Chiude il pacchetto l’instant messaging: con Windows Live Messenger, con un tetto di 300 messaggi al mese. L’obiettivo di 3 è di rendere X-Series un servizio di massa, mentre ora è destinato solo agli utenti che si possono permettere cellulari evoluti; sta lavorando quindi a una versione del software su piattaforma Java.

È evidente che X-Series non è tutta l’Internet: la flat non include l’uso di altre applicazioni, pur installabili, per esempio un browser alternativo (Opera) oppure Orb e Sling (inclusi invece nelle X-Series lanciate nel Regno Unito). I quali permettono, rispettivamente, di accedere via cellulare ai file audio-video contenuti sul computer e ai programmi trasmessi sulla Tv di casa. 3 Italia cerca forse, così, di proteggere la crescita del proprio Dvb-h; così come ha escluso Skypeout per non scuotere, con il VoIp, il business delle chiamate voce su rete mobile tradizionale. Il traffico non incluso nella flat X-Series o in altre di 3 va pagato a consumo: 1 euro al MB.

Le contromosse di Tim
X-Series è la più grande apertura finora tentata da un operatore mobile italiano nei confronti della grande Internet. Anche gli altri operatori, però, hanno capito che la mentalità da giardino recintato ha fatto ormai il suo tempo e, per promuovere davvero l’uso di traffico dati, bisogna permettere agli utenti di togliersi i braccioli e di navigare in (semi)libertà nel grande Web.

Così si spiega la mossa di Tim, che si è aperta a YouTube. Nell’offerta Tutto Compreso Internet Tim include in 20 euro al mese 1 GB di traffico Wap, un altro GB per usare il cellulare come modem, YouTube, AliceMessenger (fino a 700 messaggi), AliceMail consultabile via casella vocale (fino a 100 minuti), via client (fino a 50 MB) o via Mms (fino a 100) e la possibilità di acquistare un cellulare Umts a prezzo scontato (99 o 199 euro).

Tim ha anticipato d’un soffio Vodafone, che mesi fa ha annunciato che avrebbe lanciato entro l’estate tariffe ad hoc e accesso facilitato a You Tube, eBay e MySpace via cellulare. Ma non l’ha ancora fatto. 3 Italia e Tim, nei giorni scorsi, hanno presentato altre novità in questo campo. 3 è stato il primo operatore a portare a 7,2 Mbps la rete Hsdpa e ha lanciato un modem Usb che supporta fino a questa velocità (schede e cellulari, invece, non superano i 3,6 Mbps). Ha scontato i canoni per navigare con il browser Www3 in Java: ora sono 1 euro al giorno, 2 alla settimana e 6 al mese (fino a 50 MB di traffico al giorno). Ha raddoppiato a 100 MB il traffico incluso nel canone di 9 euro al mese, per l’offerta Naviga3 per navigare sul pc usando il cellulare come modem.

Altre novità di Tim riguardano la navigazione tramite scheda Pcmcia: è nata l’offerta Alice + Pc Card. In 20 euro al mese include 1 GB di traffico e la Pc Card. In un canone di 36 euro al mese è compreso anche un notebook. In arrivo le prime tariffe Tim a tempo: Mini-Pc (30 euro, per 150 ore al mese) e Maxiday Alice (3 euro per 90 minuti). Tim segue le orme di Vodafone, il primo operatore a lanciare tariffe a tempo (per navigare sul pc via scheda o modem Gpr/Umts/Hsdpa).

Vodafone però, è il solo a non avere flat per navigare via cellulare. Wind ha un buon numero di flat-rate di vario tipo, ma da tempo non le rinnova. Ha anzi di recente aumentato il prezzo a consumo per navigare fuori dal portale via Wap. Wind è in affanno, dopo il taglio dei costi di ricarica: al momento la sua strategia è concentrata sul limitare le perdite di ricavi.