3 Italia, migliorano i conti

da Milano

Migliorano i conti di 3 Italia, anche se la quotazione, sfumata in febbraio per questioni di valutazione, resta per il momento solo un’opzione senza calendario. Il gruppo Hutchison Whampoa, a cui fa capo la società guidata da Vincenzo Novari, non esclude inoltre l’ipotesi di un futuro accorpamento fra 3 Italia e la consociata inglese 3 Uk. I risultati del primo semestre sono comunque positivi e in linea con i piani di 3 Italia. I clienti hanno infatti raggiunto i 6,4 milioni (più 16%), cifra salita a 6,8 milioni nella parte finale di agosto. L’Ebitda, al lordo dei costi di acquisizione dei clienti, è passato dai meno 13 milioni del periodo gennaio-giugno 2005 a oltre 280 milioni. Risultati ottenuti grazie anche alla risposta ottenuta con il lancio in occasione dei Mondiali di calcio della tv digitale mobile. Il positivo andamento di 3 Italia, che secondo voci potrebbe essere al centro di una futura alleanza tra Hutchison e Wind, fa però riscontro la decisione da parte della stessa Hutchison di rinviare gli obiettivi di redditività del business 3G di 6 mesi, a causa soprattutto della concorrenza nel Regno Unito e di un tasso di abbandono dei clienti superiore alle previsioni. Il numero uno di Hutchison, Li Ka Shing, ha anche precisato che per la quotazione di 3 Italia non esiste un calendario.