Dopo 30 anni Ronco Scrivia può andare di nuovo al cinema

Riapre oggi il Columbia Ma altre sale fioriscono un po’ in tutta la Liguria

Il cinema in ripresa? La risposta sembrebbe proprio di sì, a giudicare dalla recente apertura di nuove sale un po’ in tutta la Liguria. Come a Ronco Scrivia. Qui negli anni Sessanta c’era una grande sala con più di seicento posti a sedere, posti che come per incanto potevano sparire per lasciare spazio al ballo sulle romantiche note delle canzoni di Nilla Pizza. Erano gli anni d’oro del cinema Columbia dei fratelli Gatto e di Ronco Scrivia, anni in cui dopo il Festival di Sanremo gli artisti passavano di lì a cantare. E quando la musica taceva, il cinema riprendeva tutto il suo spazio. Poi il declino con l’avvento della televisione e infine l’oblio negli anni Settanta. Fino ad oggi, giorno della rinascita.
Il grande momento infatti è arrivato: alle 17.30, nell’ex sottostazione ferroviaria di Ronco si taglia il nastro della nova sede dello storico cinema Columbia, per riprendere, all’insegna della modernità, un discorso inziato più di mezzo secolo fa.
La sala, con più di 140 posti a sedere, un impianto dolby surround e poltrone ultramoderne, è strutturata a gradoni e sotto allo schermo ha uno spazio che si può utilizzare anche per altre manifestazioni. E soprattutto viene a colmare un vuoto che negli anni aveva privato i ronchesi di un luogo di aggregazione e divertimento. Tanto più se si pensa che in passato Ronco di cinema ne aveva addirittura tre (col Columbia, infatti, c’erano il cinema all’interno della Torretta e i cinema parrocchiale Italia). Il Comune ora ci ha messo i locali e i costi di ristrutturazione, 274mila euro ottenuti trasferendo l’Istituto Comprensivo da una locazione privata all’ex sottostazione e risparminado sulla locazione della sala di corso Italia.
Il nuovo cinema oggi sarà inaugurato dal presidente della Regione Claudio Burlando. Alle 20.30 ci sarà la presentazione del libro «Cinema & Musica» del musicologo ronchese Sergio «Teddy» Di Tonno, poi lo spettacolo del gruppo Gospel di Genova diretto dal maestro Paolo Faveto e, alle 22.30, la programmazione. Il tutto accompagnato da una strordinaria esposizione di locandine storiche cinematografiche fornite da Di Tonno che renderà felici i cinefili della Valle Scrivia.
Così come saranno contenti gli abitanti di Savignone, per la ripertura della sala cittadina che, nata negli anni Cinquanta e chiusa nel ’78, oggi torna in funzione promettendo una programmazione di qualità.
Anche a Genova è stato appena ultimato il restyling del Cinema Cappuccini in gestione al Servizio assistenza sale Liguria Acec: qui si proietta cinema d’essai nelle serate di venerdì, sabato e domenica. Alla domenica pomeriggio spazio ai più piccoli con gli spettacoli della compagnia del Banco Volante.
L’Ariston di Sestri Levante invece raddoppia con una seconda sala, mentre una sesta ne guadagna sempre l’Ariston, quello più famoso, di Sanremo: è la sala Roof 4 per soli 35 posti e destinata a pellicole d’essai.