30.000

È il numero dei dipendenti Fiat che usufruiscono periodicamente della cassa integrazione, decisa dal gruppo per far fronte al calo della domanda. Il ricorso agli ammortizzatori sociali continuerà fino alla ripresa del mercato. L’ad Sergio Marchionne ha comunque ribadito che non saranno chiusi stabilimenti in Italia. Nuova cassa integrazione intanto a Termoli (Campobasso): sono più di 1.700 i lavoratori dell’unità motori «8 e 16 valvole» che resteranno fermi dal primo al sette dicembre. A Melfi (Potenza), invece, la Fiat ha cancellato la settimana di cassa prevista dall’1 al 7 dicembre.