Dopo 35 anni rossi il Pdl vuol espugnare il feudo dei Mancini

La chiamano la Bologna del Sud perché da 35 anni la sinistra governa indisturbata. Il «muro» di Cosenza, feudo dei Mancini e dei socialisti prima e centrosinistra poi, potrebbe ora vacillare sotto i colpi di Giuseppe Gentile, l’uomo che il Pdl mette in campo stavolta per provare sul serio a sbaragliare una sinistra in affanno che si affida ancora all’attuale presidente, Mario Oliverio. La candidatura di Gentile, 65 anni, attuale capogruppo di Fi in Regione, è stata presentata al teatro Rendano, nel centro storico della città. Ad affiancare l’alfiere del Pdl c’erano Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, ma anche il fratello del candidato, Tonino Gentile, senatore di Fi. Che l’uomo individuato per conquistare la terra che fu dominio del segretario del Psi Giacomo Mancini possa essere quello giusto, lo dicono anche i numeri.