Il 41% della produzione va all’estero

Con Sandro Marcorin, giovane imprenditore della terza generazione, vi presentiamo una nuova puntata della nostra inchiesta dedicata agli Innovatori. Perito aeronautico, classe 1973, Sandro Marcorin è alla guida della Bpt che ha sede a Cinto Caomaggiore, in provincia di Venezia. L’azienda, creata dal nonno Lisio Plozner nel 1953 grazie a una serie di brevetti, è diventata la terza in Italia e la quarta in Europa nel settore dei citofoni. L’intero ciclo produttivo, dalla ricerca alla fabbricazione, è svolto in Italia. I dipendenti sono 315, il fatturato di 54 milioni di euro, l’export ha un’importanza di rilievo nei conti: incide, infatti, per il 41 per cento. Ora, utilizzando un brevetto Bpt che sfrutta il cavo coassiale, l’azienda si sta sviluppando non solo nella domotica, ma anche nella gestione dei «villaggi digitali». E per avere le risorse finanziarie necessarie allo scopo di raggiungere gli obiettivi prefissi, all’inizio dell’estate Marcorin presenterà alla Consob la richiesta di quotazione al mercato Expandi.