50’ st

JUVENTUS
6 MANNINGER. Subisce il primo gol da juventino, non sembra colpevole.
5,5 GRYGERA. Patisce Llama nel primo tempo.
5,5 LEGROTTAGLIE. Premiato come giocatore del mese, non è puntuale nell'azione che porta il Catania al pareggio.
5 CHIELLINI. Condivide con Legrottaglie la distrazione sul gol ospite.
6 DE CEGLIE. Fatica a tenere Izco. In fase difensiva si deve ancora fare: però non molla mai.
5 MARCHIONNI. Due partite di fila non le giocava da chissà quanto. Primo tempo incolore, parte bene nel secondo (23' st SALIHAMIDZIC sv)
5,5 MARCHISIO. Meno ordinato del solito (38'st TIAGO sv).
6 POULSEN. Solito lavoro in copertura, poco altro.
6,5 GIOVINCO. Esordio in campionato e subito un assist vincente. Qualche pausa di troppo, ma è inevitabile che fisicamente faccia fatica (39' st NEDVED sv).
6,5 AMAURI. Trova il terzo gol consecutivo in campionato, il primo di testa.
6 DEL PIERO. Si manifesta appena prima della mezz’ora con uno slalom di trenta metri. Ogni tanto si innamora del pallone, ma è uno dei pochi a saltare l'uomo.
All: RANIERI 5,5. Juve troppo rivoluzionata.
CATANIA
7 BIZZARRI. Incolpevole sul gol, ci mette una pezza quando può, anche di piede.
5,5 SARDO. Non tiene Giovinco nell'azione del gol.
6 SILVESTRE. Sfiora il gol dopo quattro minuti su azione d'angolo.
5 TERLIZZI. Une bella dormita sul gol di Amauri, al pari del suo compagno di reparto. Qualche buon anticipo.
6 SILVESTRE. Fa pari con Marchionni, ma non osa mai in fase di spinta.
6,5 IZCO. La fascia destra dell'attacco catanese è tutta sua.
6,5 LEDESMA. Tocca mille palloni, ma l'invenzione non arriva.
6,5 BIAGIANTI. Motorino di metà campo, prova anche la conclusione da trenta metri.
6,5 TEDESCO. Suo il cross che manda in gol Plasmati.
6,5 LLAMA. Fa su e giù sulla fascia sinistra, sacrificato a inizio ripresa per dare peso all'attacco (1' st PLASMATI 7: dopo avere segnato a Milano contro l'Inter, concede il bis alla Juve).
5 MORIMOTO. Corre come un matto, non la vede quasi mai (15' st MARTINEZ 6,5: regala vivacità, 39' st BAIOCCO sv).
All: ZENGA 6,5. Ha il merito di cambiare la squadra in corsa.
Arbitro PIERPAOLI 6,5. Poche sbavature.