Il 91° di Nesta in procura: «È andato tutto bene»

Milano-Roma andata e ritorno in sette ore. È l’ultima fatica toccata ieri sera ad Alessandro Nesta, seguita alla partita con la Roma. Motivo: l’appuntamento con i magistrati che si occupano della Gea e che hanno voluto sentirlo in merito ad alcune dichiarazioni del suo ex manager, Dario Canovi, avvocato, il quale riferì di pressioni presso il difensore, all’epoca dei fatti tesserato con la Lazio, perché passasse da Canovi alla Gea appunto. Conclusa la partita con la Roma, Nesta è stato uno dei primi a lasciare lo spogliatoio di San Siro, è arrivato a Linate per saltare al volo sul primo volo disponibile per Fiumicino, e da qui, in compagnia di un paio di amici, si è recato all’appuntamento con i due pm con i quali aveva concordato le modalità della sua audizione. Il giocatore ha infatti la possibilità di prendersi una settimana di vacanza da oggi e fino all’inizio del raduno azzurro di lunedì prossimo. Ha da tempo prenotato un volo a Miami per staccare la spina e ricaricare le batterie in vista di Germania 2006. Sorridente all’uscita, dopo oltre due ore, ha regalato solo una battuta: «È andato tutto bene. Ora vado in vacanza e poi speriamo di vincere i mondiali». Nesta, cresciuto nel vivaio della Lazio, era stato assistito dall’avvocato Dario Canovi, quindi passò alla Gea nel 2001: il suo trasferimento al Milan venne infatti curato da Alessandro Moggi.