A2A guida il rialzo di Piazza Affari

Bene anche Terna e Tenaris

Piazza Affari ha chiuso ieri in rialzo insieme alle altre Borse europee. L’indice S&P/Mib termina in rialzo dello 0,29%, il Mibtel dello 0,42%, mentre l’AllStars guadagna lo 0,47%. «È un rimbalzo di scarsa portata alimentato dai buoni dati Usa ma accompagnato da volumi bassi» - ha commentato un trader che sottolinea l’assenza di spunti rilevanti sulla piazza milanese a parte il balzo di Tiscali salita del 10,1% su voci di interesse da parte di Vodafone. Tra i titoli migliori c’è A2A in rialzo del 4%. Bene anche Tenaris (+2,2%) e Terna (+2%). Tra gli editoriali rimbalzano Seat (+3,4%) e L’Espresso (+2,2%) dopo le ultime sedute di ribassi e in una giornata positiva per il settore in Europa. Tonica Pirelli a +2,87%. Bene Stm (+2,3%) che l’altro ieri aveva perso più del 4%. Tra i bancari, generalmente trascurati, vendite su Mps (-3%), che Lehman ha tagliato a «equal-weight». Segno meno anche per Unicredit (-0,7%). La flessione dei prezzi del greggio hanno pesato sui titoli del settore con Eni poco mosso (-0,04%) come il settore oil europeo, mentre Saras e Erg (entrambe +1,5%) beneficiano dell’innalzamento del target price da parte di Goldman Sachs. Scarso invece l’impatto delle dichiarazioni del ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, sull’ipotesi di una tassa sui profitti delle compagnie petrolifere. In Europa Londra ha guadagnato lo 0,67% , Francoforte lo 0,14% mentre Parigi ha terminato con un +0,98%. In rialzo anche Zurigo dello 0,46%. In deciso recupero alcuni titoli bancari come Royal Bank of Scotland salita del 7,6%, favorita da voci secondo cui la domanda degli investitori sarebbe di nuovo forte al punto da portare all’emissione di nuove azioni per un valore di 12 milioni di pound.