A2A: ricorso al Tar contro il terremoto nei due consigli

I Comuni di Milano e Brescia vanno avanti nella loro «rivoluzione» tra gli uomini dei consigli di sorveglianza e gestione di A2A: uno dei pochi personaggi sicuri sembra essere Giuliano Zuccoli, che ieri è stato anche eletto all’unanimità presidente di Assoelettrica. Ma per il resto molti giochi sono ancora da fare. A partire dal ricorso al Tar della Lombardia che, secondo quanto riferisce Quotidiano Energia, sarebbe stato presentato mercoledì dal consigliere comunale di Brescia, Claudio Bargaglio (Pd), contro lo scioglimento della sorveglianza. Il 29 maggio è prevista l’assemblea degli azionisti di A2A, che dovrebbero sancire il provvedimento preso dal Comune di Brescia, ma un ricorso al Tar rischia di bloccare tutto.
Se invece i Comuni dovessero spuntarla, oltre ai cambiamenti previsti nella sorveglianza, potrebbero essercene anche nella gestione: al posto del consigliere Simone Rondelli potrebbe andare il direttore generale del Comune di Milano, Giuseppe Sala. Ma la staffetta non è certa. Quasi certa invece l’uscita di Luigi Morgano, ex vicesindaco nella passata amministrazione di centrosinistra di Brescia, che dovrebbe essere sostituito da un uomo più vicino alla attuale giunta di destra.