Abatantuono: «Josè? Woody Allen dei poveri»

Ancor prima della stangata, già diversi erano stati gli inviti alla calma rivolti a Mourinho da parte del mondo del pallone. Su tutti il tecnico della Juventus Alberto Zaccheroni e l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani. Mentre Abatantuono definisce Mourinho «un Woody Allen dei poveri, un umorista mancato», Zaccheroni lancia un salvagente a Tagliavento. «Poveretto Tagliavento. Abbassiamo i toni, senza l’arbitro non possiamo giocare: aiutiamolo». «Inter-Sampdoria non sembrava un incontro di calcio, sembrava tutta un’altra cosa. La moviola poi ha dimostrato che aveva ragione su tutti gli episodi», ha aggiunto riferendosi alle decisioni prese dal direttore di gara. «Gli allenatori di buon senso ora non vanno di moda», la conclusione di Zac. Anche Adriano Galliani ha invitato alla calma: «Mi spiace che venga interpretato come un attacco a Mourinho. Non è un attacco, ma come presidente della serie A inviterei gli addetti ai lavori, me compreso, ad abbassare i toni», ha affermato. Assoluzione piena per Mourinho, invece, da parte di Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, che ha definito il portoghese «un simpatico cabarettista».
Intanto Bettega prova a stemperare i toni mettendo in scena una «singolare» pañolada nei confronti del team manager bianconero Daniele Boaglio. Secondo quanto riferito da alcuni spettatori presenti, al termine degli allenamenti di ieri, Bettega che stava seguendo la squadra dagli spalti, ha estratto dalla tasca un fazzoletto bianco e ha iniziato a sventolarlo verso Boaglio. Anche questa è una maniera per riportare tutti alla calma.