Abn, pure Barclays pensa al rilancio

Ma i soci di Londra restano freddi e la Borsa punta su Rbs

da Milano

Le Borse Internazionali sono persuase che Royal Bank abbia la vittoria in tasca ma Barclays sarebbe al lavoro per migliorare la propria offerta su Abn Amro. Due le soluzioni tecniche sul tavolo dell’amministratore delegato John Varley per reperire le risorse necessarie al contrattacco: ricorrere a un bond convertibile, oppure utilizzare il ricavato (12 miliardi) della vendita di LaSalle a Bank of America.
Ad anticipare i piani di Barclays è stato ieri il Financial Times, poche ore prima che il responsabile della divisione consumer Frits Seegers ribadisse che la banca «è pienamente fiduciosa che la sua offerta avrà successo» perchè è «basata sulla crescita».
Londra, che al momento è pronta a pagare 35 euro ogni titolo Abn, potrebbe innalzare la propria proposta di circa 2 euro avvicinandosi così ai 38 euro promessi da Royal Bank. In questo caso a fare i calcoli è il Wall Street Journal secondo cui il gruppo potrebbe poi cedere le attività in Brasile (dove Abn controlla il Banco Real) e in Italia, a partire da Antonveneta per la quale un potenziale acquirente rimarrebbe Bnp Paribas. I tempi in ogni caso sono stretti: le offerte devono essere formalizzate entro è lunedì prossimo. Senza contare che i soci di Barclays sono freddi all’idea di destinare altre risorse alla campagna d'Olanda.