Aborto, Formigoni: «Bene linee guida sul nostro modello»

«La legge 194 non verrà cambiata, perché questo è stato l’impegno preso all’inizio della campagna elettorale e perché non serve cambiarla per diminuire il numero di aborti: si devono prima di tutto fare delle politiche di prevenzione». Lo ha assicurato ieri Eugenia Roccella, nuova sottosegretaria alla Salute. Le ex linee guida della Lombardia, ha aggiunto l’esponente del Pdl, «erano un buon modello, non abbiamo una modello prefissato ma quelle erano una buona strada già tracciata».
Commento che raccoglie ovviamente il plauso del governatore Roberto Formigoni: «Bene l’idea del sottosegretario Roccella di linee guida nazionali sulla 194, che ricalchino o si ispirino alle linee guida del Pirellone - ha affermato -. Mi auguro che il governo proceda presto, tanto più che anche l’ex ministro Livia Turco ci aveva espresso apprezzamento per le nostre linee guida, poi speciosamente attaccate dal Tar», che nei giorni scorsi le ha sospese. Intanto, continua Formigoni, «il nostro ricorso al Consiglio di Stato (che proprio ieri la giunta regionale ha deliberato d’urgenza, ndr) farà la sua strada».