«Aborto, sto con Formigoni»

Un tempo, negli anni Settanta, c’era il femminismo. E la ginecologa Alessandra Kustermann era uno dei punti di riferimento delle battaglie delle donne. Oggi che la parola femminismo non è più di moda, la Kustermann è ancora all’ospedale Mangiagalli a combattere per una causa all’apparenza diversa ma nella sostanza uguale, perché se il nemico di trent’anni fa erano i ferri delle mammane, oggi è «la rupe Tarpea dalla quale qualcuno vorrebbe far precipitare i feti abortiti». Un’allusione alla consuetudine attribuita agli Spartani (...)