Abrogazioni Lodo e legge elettorale La sinistra va a caccia di firme

L’altra questione è il lodo Alfano, che da poco ha iniziato il suo cammino. I promotori: Antonio Di Pietro e la sinistra radicale che in Parlamento non ha più neppure un seggiolino. La sottoscrizione per tentare di gettare alle ortiche lo scudo giudiziario per il premier e le alte cariche dello Stato è partita da poco ed entro settembre 2009 la sinistra spera di racimolare due milioni di firme da portare in Cassazione. In caso di successo (ne servono 500mila ma è sempre meglio stare larghi) il referendum sarà votato nel 2010, tra il 15 aprile e il 15 giugno. E ora tocca alla scuola. Ma c’è un però: la riforma tocca anche la legge di bilancio e i referendum non possono toccare leggi di spesa. E pare che gli esperti del Pd siano già al lavoro per aggirare l’ostacolo.