Abruzzo senza pace Scontato il rinvio del voto regionale

Abruzzo senza pace sul fronte delle elezioni, si deciderà oggi il destino della consultazione convocata per il rinnovo del Consiglio regionale fissata per il 30 novembre e 1° dicembre. Scontato un rinvio della chiamata alle urne, dal momento che la riammissione della lista «Per il bene comune» disposta dal Tar ha rimesso tutto in gioco. Il problema è il «quando»: il Pdl preme perché il rinvio non superi la metà di dicembre, ma nella ridda di voci che si accavallano c’è chi parla di gennaio o, addirittura, di aprile, in modo da fare un election day con le provinciali. Oggi il presidente della Corte d’appello dell’Aquila riceverà separatamente i sette candidati per cercare di concordare una nuova data. E nel frattempo c’è pure un’altra spada di Damocle: il prossimo 26 novembre, infatti, sarà chiamato a pronunciarsi anche su un altro ricorso, quello presentato dalla Destra e da Prc contro l’ammissione delle liste del Pdl, prima escluse con riserva.