Abusa di una sedicenne Lei riesce a incastrarlo

Una scena degna di un film d'azione di Angelina Jolie. La cui protagonista, però, non è una «palestrata» ma una giovanissima prostituta romena di 16 anni. Minacciata con la pistola da un cliente a bordo della cui auto era salita, l'adolescente non soltanto è fuggita dall'auto ma è riuscita ad evitare più di una volta che l'uomo, rabbioso, la investisse con l'auto ed a staccare la targa dalla vettura, grazie alla quale l'aggressore è stato rintracciato ed arrestato dalla polizia. Martedì sera la ragazza era come al solito in via Salaria quando si è avvicinato un giovane di 27 anni con la sua auto che si accorda per una prestazione nella sua abitazione, in cambio di 150 euro. Giunti in via Appia Nuova, però, il giovane parcheggia la vettura e, minacciando la ragazza con una pistola, la obbliga ad un rapporto; subito dopo tenta di spogliarla e di rapinarla ma la prostituta reagisce e, nonostante lui tenti di fermarla, scende dall'auto. A questo punto l'uomo, in preda ad una rabbia fuori controllo, tenta più volte di investirla ma la ragazza agilmente evita l'auto, una Bmw, e riesce perfino a staccare la targa posteriore prima che il giovane desista e si allontani. La ragazzina ha allora chiesto aiuto ad una passante e insieme hanno chiamato il 113. Gli agenti del commissariato San Giovanni, giunti sul posto, dalla targa in breve sono risaliti al ventisettenne, che è risultato avere precedenti penali, che è stato raggiunto nella sua abitazione ed arrestato. A suo carico pendono i reati di rapina aggravata, e violenza sessuale. La minorenne, accompagnata all'Ospedale San Giovanni, è stata giudicata guaribile in 15 giorni. È stata portata in un centro di accoglienza. Intanto per l’episodio di Bologna, dove di violenza sessuale è stata una ragazza di 15 anni stuprata in pieno giorno in un parco, proseguono le indagini per sapere se ci sarebbero alcuni complici non dello stupro, ma della copertura agli autori della violenza che si sarebbero rifiugiati prima di essere acciuffati.