Abusavano di due disabili: 24 arresti

Per convincere due sorelle di 35 e 28 anni con disabilità psichica a raccontare violenze e soprusi subiti, due carabinieri si sono travestiti per alcuni mesi da medici indossando il classico camice bianco e riuscendo a conquistare la fiducia delle due donne. Così i carabinieri sono risaliti, in un piccolo comune del tarantino, a un giro di abusi sessuali alle due sorelle, arrestando questa mattina 23 persone, 21 delle quali sono agli arresti domiciliari perché incensurate mentre due sono in carcere perché hanno precedenti penali per violenza sessuale. Una persona, destinata ai domiciliari, è ancora ricercata.
Tutti gli arrestati sono accusati a vario titolo di violenza sessuale, circonvenzione d'incapace e minacce; tra gli arrestati ai domiciliari c'è una donna di Matera accusata di sfruttamento della prostituzione perché organizzava gli incontri tra le due donne e i clienti.