Abusi su 14 bambine, arrestato bidello dell'asilo

Un bidello cinquantenne di Piana degli Albanesi (Palermo) è stato arrestato con l'accusa di aver abusato su sette bambine della scuola materna. I genitori delle bimbe si erano insospettiti per lo strano mutismo delle loro figlie<br />

Palermo - Con l'accusa di avere abusato sessualmente di 14 bambine, i carabinieri hanno arrestato un bidello cinquantenne a Piana degli Albanesi (Palermo). Nei confronti dell'uomo, che lavorava in una scuola materna, è stata firmata una ordinanza di custodia cautelare dell'ufficio del gip presso il tribunale di Termini Imerese. L'inchiesta della Procura di Termini era iniziata nello scorso ottobre. A carico del bidello, oltre alle investigazioni dei carabinieri, anche la denuncia di alcuni genitori che hanno raccolto la testimonianza delle figlie. A fare insospettire le famiglie era stato il cupo mutismo in cui si chiudevano le bambine appena tornate a casa da scuola. I carabinieri e la Procura termitana hanno accertato abusi sessuali su bimbe di età compresa fra i 3 ed i 4 anni.

"Le descrizioni delle bambine relative alle molestie subite sono sconvolgenti - affermano gli investigatori - le piccole mimavano con delle bambole ciò che non riuscivano a descrivere con le parole". Le dichiarazioni delle bambine sono state precise "e hanno permesso - spiegano i carabinieri - di individuare chiaramente la persone che ha commesso gli abusi ripetuti nel tempo e perpetrati ai danni anche di altre bambine i cui genitori non hanno voluto denunciare le violenze per un miope senso di vergogna". Per evitare la fuga dell'uomo hanno operato congiuntamente le compagnie dei carabinieri di Monreale e di Corleone. Il bidello è stato infatti raggiunto nella sua masseria di Corleone dove gli è stato notificato uil provvedimento dai militari di Piana degli Albanesi e del nucleo operativo e radiomobile di Monreale.