«Abusivi sulle strisce gialle»

Parcheggi riservati ai residenti occupati da chi non ne ha i diritti. Pensate un po’, a denunciarlo (finalmente) è proprio un ghisa. Trattasi di Roberto Miglio, uno dei leader storici del sindacato della Polizia Municipale, il quale invoca «maggiori controlli».
«Sempre più numerose - denuncia il vigile - sono le chiamate dei cittadini residenti che lamentano l’impossibilità di trovare parcheggio nelle aree contrassegnate dalle strisce gialle, quelle destinate appunto a loro, perché spesso ad occupare gli spazi compresi tra le linee gialle è chi non ne ha il diritto. È un problema di controllo prima di tutto: gli ausiliari della sosta sono infatti troppo pochi. Un secondo problema è che i residenti, per ottenere il permesso di parcheggiare nelle zone gialle devono presentarsi al comando dei vigili e firmare un’autocertificazione. Queste dichiarazioni però non vengono verificate e capita che qualcuno approfitti della situazione. In alcune aree i responsabili dei vigili addirittura non ritengono necessari i controlli, tipo in zona tribunale o in piazzale Lidia dove la situazione è particolarmente critica. Andrebbe istituito un ufficio di controllo specifico sui falsi».