Accor si mette in luce a Parigi

I timori di un rallentamento dell’economia negli Usa, prospettato dal rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato americani, ha provocato a metà giornata una netta inversione di tendenza degli indici della Borsa di New York, che sono giunti a sfiorare fino all’1%. In netta controtendenza le azioni delle compagnie aeree, con Continental in crescita del 6,9% e America Airlines del 3,6%. In zona negativa i titoli petroliferi, per effetto del calo del greggio, con Exxonmobil e Conoco-Phillips che arretrano del 2,2%, mentre Chevron perde il 2,5%. In Europa, chiusa Londra, nelle piazze continentali l’interesse si è accentrato sui grandi magazzini. A Parigi in luce la catena alberghiera Accor (più 2%) che ha confermato oggi il programma di cessione di 70 hotel per il 2006. A Francoforte in evidenza Volkswagen (più 1,5%): secondo il numero uno, Bernd Pischetsrieder, il marchio dovrebbe ritornare in utile operativo per fine anno.