Un accordo spegnerà la movida

(...) non si “allargheranno” con tavolini e dehors, così come si occuperanno di pulire tutt’intorno al locale». Verranno assoldati anche body guard per indirizzare i clienti verso i parcheggi. L’accordo, infatti, mira a evitare la sosta selvaggia che cinge d’assedio le zone della movida. «Faremo convenzioni con i garage - continua Zini - in modo che i clienti non abbandonino le auto in seconda o in terza fila. Per proteggere il sonno dei residenti, inoltre, i locali, oltre a rispettare l’orario di chiusura, si doteranno di sistemi di insonorizzazione». Insomma regole di buon vicinato e di rispetto reciproco che dovrebbero mettere la parola fine all’interminabile lotta tra residenti e gestori dei locali. Soddisfatto l’assessore Croci: «Per la prima volta si mette il rumore al centro dell’attenzione. Quest’accordo, che mira a prevenire e controllare il rumore con la collaborazione di Arpa e Asl, infatti, diventa condizione necessaria per le autorizzazioni delle isole pedonali estive. Non solo, è allo studio anche un regolamento sugli eventi per l’abbattimento acustico». In via di chiusura anche l’accordo tra Comune e gestori dei locali da ballo per riportare il sonno attorno alle 14 discoteche estive: sistemi di insonorizzazione, convenzioni con i parcheggi, presidio della polizia locale nelle vie circostanti la ricetta.