Accordo tra Telecom e Metroweb

da Milano

Telecom Italia ha siglato un accordo con Metroweb per lo sviluppo della rete in fibra ottica sul territorio di Milano. Grazie all’accordo, si legge in una nota, Telecom Italia raggiungerà 70mila edifici avvalendosi anche dell’infrastruttura di rete di Metroweb. Il contratto, che prevede investimenti per circa 50 milioni di euro e il diritto d’uso dell’infrastruttura per 15 anni (rinnovabile per ulteriori 15) si inserisce nel progetto di sviluppo della rete di nuova generazione a banda larga (Ngn2) di Telecom Italia, il cui piano, avviato a partire dalla città di Milano, prevede la copertura progressiva della popolazione sul territorio nazionale. In particolare, in base all’accordo, Telecom Italia potrà utilizzare oltre alle proprie infrastrutture anche quelle in fibra ottica messe a disposizione da Metroweb per la realizzazione di una rete di apparati posti all’interno degli edifici che consentirà l’accesso a banda larga di seconda generazione con una capacità trasmissiva fino a 50 Mega mentre oggi l’offerta arriva fino a 20 Mega.
L’intesa siglata con Metroweb, che dispone già di una estesa e capillare rete di cavi ottici su tutto il territorio di Milano usati da Fastweb, consentirà a Telecom di ridurre i tempi di realizzazione degli impianti, limitare al minimo l’impatto delle opere civili e valorizzare al massimo l’investimento. Metroweb dopo la cessione della quota da parte di Fastweb oggi appartiene per il 76,5% al fondo di investimento Stirling e per il rimanente 23,5 a Aem. Intanto ieri il presidente dell’Authority Corrado Calabrò si è dichiarato assolutamente contrario a emendamenti che possano imporre l’esproprio senza indennizzo della rete di Telecom. Calabrò è anche contrario a fissare per legge le tariffe per l’accesso alla nuova rete perché queste potrebbero impedire lo sviluppo delle reti di nuova generazione.