Accusato di violenza carnale ecuadoregno si toglie la vita

Arrestato per violenza sessuale, un giovane detenuto sudamericano si è tolto la vita l’altra sera a San Vittore. Si è impiccato infatti intorno alle 3 con la cintura dei pantaloni alla finestra del bagno della sua cella al sesto raggio, J.E., ecuadoregno di 23 anni, arrestato dalla polizia poche ore prima con l'accusa di violenza sessuale. Il giovane, che lavorava in un locale di Quarto Oggiaro e aveva piccoli precedenti di polizia, era in attesa di essere sottoposto alla visita sanitaria d'ingresso. Il fermo è stato eseguito dalla squadra mobile in seguito alla denuncia di una dodicenne connazionale che lo aveva accusato di violenza sessuale. Due le inchieste che ora dovranno accertare ciò che è accaduto: una interna al carcere disposta dalla direttrice. Verranno sentiti gli agenti di polizia penitenziaria di turno e anche il difensore del ragazzo. Un’altra inchiesta è stata invece aperta dal pubblico ministero Frank Di Maio.