Acea Illuminazione, investimenti raddoppiati

Nel 2008 gli investimenti di Acea nell’illuminazione pubblica «sono stati di oltre 10 milioni, più del doppio rispetto al 2005». Lo precisa l’Acea in risposta ai dati della ricerca dell’Ufficio studi di Mediobanca per conto della Fondazione Civicum in base alla quale Roma sarebbe la grande città più buia d’Italia. Acea ricorda di aver avviato «il programma di riqualificazione della rete di illuminazione pubblica che, fin dal 2005, prevede, per un decennio, investimenti pari a 100 milioni di euro». L’azienda sottolinea inoltre che «il contesto urbanistico e archeologico nel quale eroga il servizio di illuminazione pubblica, assieme all’ampiezza del territorio servito, lo rende unico e non confrontabile con altre città italiane: Roma ha un’estensione di oltre 1300 kmq, con un territorio, per esempio, pari a 7 volte quello di Milano e 10 volte quello di Torino. In zone ad alta densità abitativa come quelle centrali il rapporto è di 110 corpi illuminanti ogni mille abitanti, in linea con quanto riportato dalla Fondazione Civicum per altre città italiane, come ad esempio Milano»