Acqua bollente a Napoli nel 9-9 di Posillipo-Recco

Paolo Lonegro

Un regalo di Natale amaro, per la la pallanuoto ligure: non tanto per i risultati, ma per quanto è successo a Napoli, nel big match della giornata fra Posillipo e Recco. La V giornata di andata di fase due, eccezion fatta per Nervi e Chiavari, ha visto pareggiare appunto il Recco a Napoli, mentre Savona, Bogliasco e Camogli hanno colto importanti vittorie.
Il pareggio. Come sempre fra Recco e Posillipo, è bagarre: finisce 9-9 (4-2, 3-2, 2-4, 0-1). E questa volta se in vasca hanno avuto la meglio i biancocelesti di Porzio, sono stati i tifosi della Pro a patire i guai: infatti gli otto tifosi sono stati fermati dalla polizia. La gara è stata come sempre, dura, ricca di belle azioni, ma soprattutto vista la caratura delle due squadre, ha regalato a chi l'ha vista in televisione su Rai Tre, una grande pallanuoto. Il Posillipo avrebbe tutto sommato meritato la vittoria, ma la Pro Recco ha avuto il grande merito di crederci fino in fondo, conquistando il pareggio con una gran gol di calcaterra a 26" dal termine. Poi il fattaccio che ha scatenato le ire dei napoletani: nell'azione seguente al gol, il Posillipo guadagna una superiorità numerica. Zlokovic ferma il suo connazionale Vujasinovic «per il collo» mentre il posillipino Felugo va al tiro e segna la rete della ipotetica vittoria napoletana. Ma l'arbitro Caputi anulla per il vistoso fallo del centro serbo e scoppia il caos a bordo vasca, perché in vasca, gli animi erano anche abbastanza sereni.
Le sconfitte. La prima, non meritata, è del Sacil Nervi, che cede alla Sciorba 6-5 (2-3, 2-1, 0-0, 2-1) con la Systema Brescia. Bella gara, giocata a testa alta dalla formazione di Giustolisi, e persa solo nei minuti finali: anzi il Brescia sotto di una rete, ha prima pareggiato, con Barac, e con Foresti, Giovanni fratello di Emanuele che gioca nel Nervi, segna la rete della vittoria. La seconda, inevitabile, è del Chiavari: i Campioni d'Italia della Filanda Carisa Savona sono di un'altra dimensione e fanno loro il derby «delle riviere». Finisce 11-6 ( 2-2, 5-1, 3-1, 1-2) con il fenomeno Sapic a segno ben cinque volte, mentre la sesta rete gli è stata negata dal portiere Mina che ha parato il tiro di rigore.
Le vittorie. Entrambe nel girone B. Il Bogliasco affonda il Palermo 18-8 (4-1, 3-2, 2-2, 5-3) diretta contendente alla salvezza. Camogli espugna Catania 10-8 ( 2-1, 3-4, 3-1, 2-2) confermando così il buon momento del collettivo bianconero.