Acqua, rifiuti e servizi pubblici nelle città Le tariffe di Milano restano le meno care

Vivere a Milano? Costa poco, almeno per quel che riguarda le tariffe dei servizi pubblici locali. Il costo della Tariffa sui rifiuti, per un’abitazione di 80 metri quadri, è 210 euro. Si ferma a 103 euro il costo del servizio idrico, mentre il totale dei costi per i servizi pubblici locali ammonta a 2.179 euro. Risulta dalle tabelle elaborate dall’ufficio studi della Confartigianato. «Il mercato dei servizi pubblici vale oltre 32 miliardi di euro, una sua reale liberalizzazione attraverso gare, e non solo, di facciata come avvenuto finora, sarebbe in grado di migliorare i prezzi per i cittadini». Ad auspicarlo è il segretario generale della Confartigianato Cesare Fumagalli, secondo il quale «con un ingresso di questo mercato nel circuito virtuoso dell’economia privata le tariffe non sarebbero così anelastiche come invece dimostrano lo studio. Gli ultimi 5 anni inglobano anche i due anni della crisi eppure le tariffe sono cresciute il doppio rispetto all’Europa». Con aspetti che hanno dell’assurdo, sottolinea Fumagalli. Ad esempio, la città dove si paga di più la raccolta rifiuti è Napoli, 331 euro per un appartamento di 80 metri quadri contro i 135 euro di Firenze. E sul costo totale dei servizi, Cagliari risulta più cara di Milano, con 3.100 euro rispetto ai 2.179 euro del capoluogo lombardo.