«Acque» in frenata

Le turbolenze affiorate sui mercati finanziari hanno avuto un impatto negativo anche a Piazza Affari che ieri, in linea con l’andamento delle Borse mondiali, ha subìto negli indici principali una flessione superiore al 2%, che riporta in negativo del 4% i livelli da inizio d’anno. Il ritmo degli scambi ha superato 6 miliardi di controvalore. I realizzi sono apparsi insistenti sui titoli bancari, anche se sono stati esclusi coinvolgimenti degli istituti italiani; Unicredit, Capitalia e Pop. Milano hanno ceduto oltre il 3%, mentre la flessione di Italease supera il 5%. Rientrato lo sprint di Eurofly (meno 10%), in calo Pirelli (meno 2,7%). Vola Bastogi (più 11,4%) alla notizia del riassetto del gruppo, ma si arresta la corsa dei titoli delle acque, con Acque potabili e Mediterranea Acque che cedono intorno al 5%. Brilla Mondo Tv (più 4%) dopo che la controllata francese ha siglato un accordo di coproduzione con Alphanim.