Acquisti sugli editoriali

Piazza Affari ha chiuso in ribasso una giornata tutta giocata intorno alla parità e povera di scambi. Il Mibtel ha perso lo 0,35% a 25741 punti, lo S&P/Mib lo 0,54% a 33600. I petroliferi, danneggiati dalla flessione nelle quotazioni del greggio, hanno zavorrato fin dalla mattinata gli indici. A fine giornata Eni ha perso l'1,36%, Saipem l'1,97%, Erg il 2,37%. La buona performance dei media europei coinvolge anche Mediaset (più 0,73%); riparte anche Rcs (più 1,10%) ma con pochi volumi. Il deposito in Consob del prospetto per l'Opa di Unipol su Bnl indebolisce la compagnia assicuratrice che cede lo 0,5% e aiuta un po’ la banca romana (più 0,15%). Debole Fiat, in flessione dello 0,77%. Altrove bene Italcementi (più 0,97%). Contrastati i titoli assicurativi. Ras (più 0,67%) ha registrato una delle performance migliori tra le blue chip; in rosso Fondiaria-Sai (meno 1,09%), penalizzata da uno switch a favore della controllante Premafin che sul listino completo ha guadagnato il 5,14%. Nuovo massimo storico per la matricola Banca Italease (più 5,02%) che ha chiuso a quota 16,21 euro.