Acuta commedia firmata Luchetti

MIO FRATELLO È FIGLIO UNICO
Acuta commedia di Daniele Luchetti, un po’ troppo sbrigativa nel finale, che con faticosa inflessione laziale ripercorre 15 anni di storia italiana partendo dalla Latina proletaria del 1962. Conflitto generazionale, lotta di classe, palpiti sentimentali e guerra civile s’intrecciano nel rapporto tra il fratello rosso Manrico e nero Accio. Non c’è gara tra l’espressivo Elio Germano e il monocorde Riccardo Scamarcio.