Ad Amsterdam corre Laurus

La crisi del settore immobiliare negli Usa ha rappresentato ieri il fattore principale di debolezza dei mercati azionari. Il calo di quasi il 9% di Countrywide, la maggiore società Usa di mutui immobiliari, ha scatenato le vendite, non risparmiando i finanziari, come American Express, in calo del 3,5%, e i tecnologici, con Texas Instruments che arretra del 3,8%. Cedenti i farmaceutici, con Wyeth che perde il 7,8% per il blocco del suo farmaco Pristiq. In calo di oltre l’1% le principali piazze europee, con Londra irregolare per il recupero di Reckitt Benckiser (più 2%) e Barclays (più 1,3%); in ribasso Old Mutual (meno 3,9%) e Friends Prevident (meno 2,2%). Ad Amsterdam exploit di Laurus (più 12%), per una Opa in arrivo.