Addio arancioni tornano i filorussi

Kiev. Nuovo colpo di scena in Ucraina: la coalizione arancione che sembrava poter tornare al potere dopo le elezioni di marzo si è sfasciata ieri a causa del «tradimento» del socialista Aleksandr Moroz, che ha firmato col nemico di un tempo, il filo-russo Viktor Ianukovic, un accordo di coalizione per il nuovo governo che include i comunisti di Piotr Simonenko, e lascia fuori della porta i due maggiori protagonisti della «rivoluzione colorata» dell’autunno 2004, il presidente ucraino Viktor Iushenko e la «pasionaria» Yulia Timoshenko.