Addio «cabina» e Skype batte la teleselezione

da Milano

La vecchia cabina telefonica ignorata, le chiamate internazionali soppiantate da Skype, il traffico Internet in banda stretta in picchiata e, in generale, le chiamate sul telefono fisso che continuano a perdere appeal, a tutto vantaggio dei cellulari (sono ormai uno e mezzo per ogni abitante). A fotografare le abitudini degli italiani al telefono è la relazione annuale dell’Autorità per le tlc. Il rapporto evidenzia il costante allontanamento degli italiani dal vecchio telefono fisso: nel 2007 i miliardi di minuti trascorsi all’apparecchio sono stati 128,1, contro i 135,7 del 2006 (meno 5,6%). In termini percentuali la voce che ha registrato il calo più consistente è stata la telefonia pubblica: i minuti trascorsi a chiacchierare in cabina sono stati circa 300 milioni, contro i 600 milioni dell’anno prima. Cresce invece l’utilizzo della telefonia su protocollo Ip: in pratica Skype e i suoi concorrenti che, grazie a «offerte assai aggressive», si impongono nelle chiamate internazionali. La vecchia teleselezione diretta all’estero, l’anno scorso, si è infatti fermata a 4,8 miliardi di minuti di conversazioni (5,1 miliardi del 2006). La banda larga manda in soffitta anche l’Internet dial up, vale a dire la connessione a banda stretta: il traffico è sceso del 19 per cento.