Addio «Cindia» perde 50 milioni

Solo tre tratte intercontinentali asiatiche (Shanghai, Delhi e Mumbai) provocano ad Alitalia oltre 50 milioni di perdite all’anno. Lo ha detto lunedì il coordinatore della compagnia aerea, Giancarlo Schisano, durante l’incontro con i sindacati. La circostanza è stata confermata da diverse fonti presenti al tavolo con l’azienda. «La rotta per Shanghai, ha detto Schisano, procura perdite di 30 milioni all’anno ed è la rotta a maggior deficit. Dehli ne fa perdere 12 e Bombay (Mumbai) perde una cifra compresa fra le altre due» ha riferito un sindacalista. Secondo Alitalia, «le tariffe competitive non coprono i costi, e con tariffe remunerative non si riempiono gli aerei». Durante la presentazione del piano, i vertici dell’azienda hanno comunicato al sindacato l’intenzione di tagliare 17 tratte internazionali da Malpensa, perché in rosso.