Addio code agli sportelli il pass per la sosta arriva a casa ed è gratis

Non si appiccica al vetro e non sarà più necessario sbriciolarsi le unghie sul parabrezza per staccarlo al momento di riconsegnarlo al Comune. Arriverà a casa senza bisogno di far la coda allo sportello e in più è assolutamente gratis. Dopo averlo promesso, Palazzo Marino mantiene l’impegno a semplificare la pratica per i pass della sosta riservati ai residenti. Quelli, per capirsi, che servono per lasciare l’auto sulle strisce gialle sotto casa e che sono in scadenza nei prossimi mesi.
Niente paura, assicura l’assessore ai Servizi civici e alla Semplificazione Stefano Pillitteri, tutti quelli a fine validità rimarranno in vigore fino all’arrivo dei nuovi tagliandi. Con gli addetti alle multe che, probabilmente, per un breve periodo saranno invitati ad avere la mano un po’ più leggera. Già oggi, dunque, partirà la spedizione dei primi 20mila pass inviati direttamente a casa dei residenti della zona 1. Solo la prima di tre tranche programmate per i prossimi venerdì. Altre 20mila lettere, infatti, saranno imbucate il 7 marzo e 24mila il 14. «Poste italiane - spiega Pillitteri - ci hanno assicurato che non ci saranno intoppi e che in tempi brevissimi tutti i 64mila pass raggiungeranno i destinatari. Non abbiamo motivo di dubitare, alcuni disguidi passati credo fossero dovuti ad agitazioni sindacali ora risolte. Noi comunque controlleremo e in caso contrario prorogheremo ulteriormente la validità di quelli già in possesso degli automobilisti».
Altra buona novità è che il pass avrà ora durata triennale. Un lungo periodo in cui si potrà dimenticare la pratica. A meno di non dover cambiare casa. «Ma anche in quel caso - spiega il direttore centrale dell’assessorato Antongiulio Bua - dopo la variazione di residenza, provvederemo a inviare direttamente a casa il nuovo pass». Che non si appiccica più, ma si infila nella bustina attaccata al parabrezza. Come il contrassegno dell’assicurazione o il vecchio bollo. Molto più comodo, dunque. «Si tratta - aggiunge Pillitteri - di un’importante semplificazione per i milanesi che non sono più costretti a fare lunghe code negli sportelli dei comandi della polizia municipale. Anche il fatto di aver introdotto un pass di durata triennale anziché annuale è un fatto importante. Un esempio concreto di un’amministrazione che va incontro alle esigenze del cittadino». Ma la notizia è che a risparmiare tempo e denaro non sarà solo il contribuente. «Fino a oggi - rivela Bua - per rilasciare i permessi erano necessari ben venticinque uomini della polizia municipale e cinque impiegati. Ora tutti i “ghisa” possono essere destinati ad altro e noi riusciamo a smaltire tutto il lavoro con i soli cinque impiegati».
Per tutte le informazioni si può contattare il numero telefonico del Comune 02-0202 oppure visitare il sito internet www.comune.milano.it alla sezione «Ho bisogno di muovermi in e fuori città». Da ricordare, come è specificato nella lettera che accompagnerà il nuovo tagliando, che non è consentito l’uso di fotocopie o la riproduzione del contrassegno. Uno speciale ologramma argentato, invece, ne renderà impossibile la falsificazione.