Addio debiti, Rapallo estingue i mutui

(...) «Abbiamo estinto mutui che erano stati contratti dal 1971 al 2001 e che sarebbero scaduti in momenti diversi fra il 2011 e il 2017» spiegano in Comune a Rapallo. «E per farlo non abbiamo sottratto risorse ad altri settori - ricorda ancora il sindaco Campodonico - Con l’avanzo di bilancio interverremo anche a sostegno delle frazioni e per sistemare le strade. La scelta forte è stata comunque quella di destinare 862mila euro per estinguere i mutui, così metteremo ordine nelle finanze comunali contribuendo a ridurre l livello di indebitamento della pubblica amministrazione, come ci raccomanda l’Unione europea. Il merito - continua il sindaco - è anche dell’assessore al Bilancio, Franco Parodi, e del nostro ragioniere capo, Carla Salvadori, che mi hanno aiutato a mettere a punto l’operazione». E cioè a estinguere i mutui con il tasso di interesse fisso al 6,5 per cento. Ne restano aperti degli altri, «ma abbiamo estinto i più onerosi».
Non ci sono solo i mutui, però. Grazie all’avanzo di bilancio, la giunta e il consiglio comunale sono riusciti a trovare risorse per 27 interventi: 60mila euro sono stati destinati alla progettazione della nuova piscina, 80mila per le manutenzioni alle scuole elementari Santa Maria, 42mila serviranno per rimettere a nuovo parchi e giardini della città. Ci saranno fondi anche per la manutenzione della piscina (20mila euro) e per i lavori al palazzo di via Bolzano (140mila euro).