Addio a gomma e binari, meglio navigare

La Regione denuncia Trenitalia e poi tenta la via delle autostrade del mare. E di ritorno da un viaggio a vuoto a Roma, è stato rinviato al 29 dicembre il Cipe che già ieri avrebbe dovuto approvare il progetto del Terzo Valico, il presidente Claudio Burlando stanzia 7 milioni di euro per la viabilità ligure.
Giornata dei trasporti ieri per Burlando e l’assessore Luigi Merlo. In mattinata hanno dato mandato di depositare nella cancelleria penale della procura di Genova un esposto-denuncia contro gli amministratori di Trenitalia per interruzione di pubblico servizio, dopo la soppressione di oltre mille treni tra luglio e settembre 2005 e di 511 a dicembre per problemi organizzativi e logistici interni alla società. Tanto più che «Per questi servizi non erogati non è stata preventivamente data alcuna comunicazione alla Regione e non è stato previsto alcun servizio sostitutivo», con una violazione del contratto di servizio sottoscritto tra Regione e Trenitalia nel luglio 2004.
E ieri Burlando e Merlo hanno sottoscritto la convenzione annuale con Ram - Rete Autostrade Mediterranee Spa (Gruppo Sviluppo Italia) per la definizione del Master Plan delle Autostrade del Mare entro maggio 2006. Obiettivo: spostare sul mare rilevanti quantità di traffico merci su gomma alleggerendo la pressione sulle infrastrutture stradali, con benefici effetti su sicurezza, inquinamento atmosferico e sulla possibilità stessa di garantire la percorribilità delle strade.