Addio a Pallavicini scrisse «Azzurro» e «Mille bolle blu»

da Milano

È morto a 83 anni Vito Pallavicini, uno dei più grandi parolieri della musica italiana. Scrisse, insieme con Paolo Conte, una delle più belle e popolari canzoni del nostro repertorio, Azzurro, resa celebre da Adriano Celentano.
Nato a Vigevano in provincia di Pavia il 22 aprile 1924, Pallavicini elaborò i testi delle canzoni di grandissimi artisti come Paolo Conte, Adriano Celentano, Mina, Pino Donaggio - con il quale scrisse Io che non vivo (senza te) ripresa poi da Elvis Presley e cantata col titolo You don’t have to say you love me - Al Bano, Toto Cutugno (che lo stesso Pallavicini scoprì), Caterina Caselli (interpretò Insieme a te non ci sto più), Fausto Leali, Patty Pravo, Nicola Di Bari, Fred Bongusto, Betty Curtis, Milva, Edoardo Vianello, Tony Dallara. «È stato un pilastro della musica leggera italiana», ha commentato Al Bano, «ha scritto tanti brani di grandissimo successo. «Era un geniaccio. Con Mogol ha dominato gli anni Sessanta e Settanta».
Per il cantante pugliese, Pallavicini ha firmato brani come Nel sole, Ragazzo che sorride, La siepe.