Addio a Parodi voce dei Tazenda

da Milano

I più lo ricordano a Sanremo 1991, quando, alla guida dei Tazenda e in coppia con Pierangelo Bertoli, vinse il premio della critica - portando il sapore del folk sardo - con Spunta la luna dal monte. Andrea Parodi, detto «l’indiano» (per il suo aspetto ma anche per la collaborazione all’album L’indiano di De Andrè) se n’è andato a 51 anni. I cultori di folk e dintorni sanno invece che Parodi è stato un punto fermo della musica popolare con lavori come Abacada. Non a caso prese parte al capolavoro Creûza de mä e non a caso recentemente ha inciso Midsummer Night In Sardinia con il chitarrista Al Di Meola. Stava lavorando ad un nuovo progetto con la folksinger Elena Ledda e il 22 settembre è salito per l’ultima volta sul palco, all’Anfiteatro romano di Cagliari, dove si è tenuto un concerto in suo onore. Per l’occasione si sono riformati i Tazenda e Parodi ha messo in mostra le sue doti vocali intonando Desvelos e classici come Carrasecare, Pitzinnos in sa guerra (collaborazione con De André), Deu te salvct Maria. Piero Pelù lo ricorda così: «Cercherò di riempire il vuoto con la sua memoria e la sua splendida voce. Spero che le istituzioni riconoscano la sua grandezza nel divulgare la cultura sarda nel mondo».