Addio al vecchio happy hour: l’aperitivo diventa terapia di coppia

Ma quale happy hour? Addio assalti al buffet e chiacchiere in libertà, a Milano anche l’aperitivo diventa operoso, tra incontri lampo con psicologi, sessioni spot di terapia di coppia, presentazioni di libri e conversazioni in lingua straniera.
Gli aperitivi in lingua, organizzati dall’associazione Passport, sono ormai un classico metropolitano: stranieri e italiani si incontrano in vari locali (il martedì al Turnè di Monza, il mercoledì all’Henry’s Cafè e il giovedì all’Antica Birreria di Porta Nuova a Milano) per conversare in una lingua straniera (francese, inglese, spagnolo, ma anche russo e giapponese) con la moderazione di un coordinatore madrelingua.
Non sono veri e propri corsi, ma incontri senza obbligo di frequenza da cui, spesso, nascono anche belle amicizie, come racconta anche la scrittrice Elizabeth Gilbert nel capitolo italiano del suo bestseller «Mangia, prega, ama».
È stato testato lo scorso novembre e verrà riproposto in primavera, l’«aperitologo», ossia l’«aperitivo con lo psicologo dentro» lanciato dall’associazione Unconventionall Gens, col patrocinio dell’Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia. Gli psicologi si intratterranno in incontri di mezz’ora, è consigliabile prenotarsi. Non sarà una seduta, avvertono gli organizzatori, ma un modo per sciogliere tensioni, sfogarsi e ascoltare le «dritte» di un esperto.
L’happy hour antistress prevedeva cocktail con nomi come Jung e Freud e 30 minuti di incontro, gratuiti, con uno dei dieci psicologi reclutati per l’occasione.
Verrà proposto solo al ristorante Romani per la sera di San Valentino, invece, il corso di seduzione tenuto dal ’love coach’ Mario Furlan, già fondatore dei City Angels. Furlan, scrittore di testi motivazionali e spirituali, in due ore, dalle 18.30 alle 20.30, svelerà alle coppie, nuove o di vecchia data, i segreti per mantenere un amore sempre vivo, anche a distanza di anni dal primo incontro. Questa la prima lezione: «L’amore non è soltanto fisico, per essere vero e duraturo deve essere - spiega - innanzitutto spirituale. E deve partire dall’amore per se stessi, cioè dall’autostima».
Per chi preferisce un intrattenimento di tipo intellettuale, l’Atm bar il 4 febbraio vara l’«aperitivo intelligente», commistione tra reading, performance e musica, che al suo debutto vedrà protagonisti lo scrittore Franco Forte, autore di «I bastioni del coraggio», la stilista L’Alì e i dj Eddy Danielli e Radiomarelli Dj Sets.
Chi dopo il lavoro anela solo a spegnere il cervello può infine optare per un happy hour mediorientale all’Hammam della Rosa, dove sorseggiare tè alla menta e degustare falafel mentre ci si gode un massaggio defaticante, senza la preoccupazione di dover sfoggiare una mise trendy o un’acconciatura impeccabile, qui la parola d’ordine è relax assoluto. In alternativa per le «fashion victim» un salto al Nail Lounge Bar, dove si può sorbire un Negroni scegliendo il nuovo smalto per le unghie o la ricostruzione più ricercata.