Adesso però lasciamo lavorare il Pdl

Caro dottor Lussana, leggo con molto interesse le pagine che Lei gentilmente dedica e concede ai lettori del nostro Giornale, dando modo a tutti di partecipare (o vagheggiare di poter partecipare) al gioco della politica. Non la politica politicante ma quella che noi vorremmo (che io vorrei) fosse politica pulita.
Ebbene, cercando tra vecchie videoregistrazioni mi è capitato tra le mani un videotape memorizzato nel 1994. È un Fuori Onda trasmesso da Studio Aperto con Buttiglione (Democrazia Cristiana) e Tajani (Forza Italia). Buttiglione non sa di essere ripreso dalle telecamere, Tajani quasi certamente sì. Buttiglione parla liberamente spiegando a un allibito Tajani come la Dc voglia mettere le mani su tutto e di più, alleandosi con chiunque possa farle vincere le incombenti elezioni. Poi si vedrà. Le elezioni erano le regionali di quell’anno.
Ha cambiato vari nomi la Dc di allora ma lo staff direttivo non è mutato molto e non è variato il modo di ragionare e pensare tipico della Dc (e delle sue troppe correnti).
Tutti ricorderanno che nel 2008 il Pierferdy volle fare un ultimo (?) sgambetto al nostro Presidente rimandando di molti giorni una risposta sicura per entrare nel Pdl (e nel frattempo faceva stampare i grandi manifesti per la sua campagna elettorale) poi il grande rifiuto. Gli Udc avrebbero perduto la loro identità unendosi a noi. E ricorda la vanteria di definirsi e credersi l’ago della bilancia?
Come tutti sanno il Pdl ha stravinto le elezioni politiche e si prepara, per la Liguria, a quelle regionali. I nostri rappresentanti, unitamente ai dirigenti, stanno mettendo a punto un programma comune che permetta di accogliere il maggior numero possibile di persone serie, combattive, intelligenti ed oneste. Lasciamoli lavorare. Anche se incombenti affrontiamo le prossime elezioni con la consapevolezza che possiamo e dobbiamo farcela perché attualmente la sinistra è allo sbando e sono molti gli elettori che cercano un cambiamento duraturo all’insegna della vera libertà.
I programmi saranno pronti a breve (spero). Se le varie anime Udc riterranno il nostro programma confacente alla loro monacale, incontaminata, virginea identità ben vengano a fondersi con noi (ma senza sgambetti) altrimenti rimangano in attesa nel Limbo della politica. Provvederanno gli amici Udc che non condividono la spocchia di alcuni loro capi a far confluire il voto nel PdL.
Grazie dottor Lussana. Un giorno o l’altro vengo a conoscerla di persona così potrà mandarmi al diavolo senza rigiri di parole. Ha tutta la mia stima. Continui così.